OLMETTO CASTEGGIO
Denominazione di origine controllata

La vigna OLMETTO dalla vendemmia 2010 passa il testimone della denominazione di Origine: da Oltrepò Pavese Barbera a CASTEGGIO D.O. Denominazione fortemente voluta dai produttori di questa zona per riportare in etichetta il desiderio di territorio nel nome del suo comune più importante. CASTEGGIO; MONTEBELLO DELLA BATTAGLIA; TORRAZZA COSTE; BORGO PRIOLO; CALVIGNANO; OLIVA GESSI e CORVINO SAN QUIRICO sono i comuni protagonisti di questo ambiziosissimo progetto territoriale dedicato ad un vino Rosso, fermo da lungo o lunghissimo invecchiamento, un vino storico che nel secondo dopoguerra accomunava grandi e piccoli produttori di questa zona senza che vi sia stato in essere il minimo regolamento o disciplinare di produzione.

Nei ricordi della mia infanzia, nonno Luigi e papà Elio dinamici e attivi si occupavano di tutto il ciclo produttivo, dalla vigna all’imbottigliamento del vino; ricordo in cantina le lavagnette che contrassegnavano il vino contenuto nelle botti: nome della vigna di provenienza e gradi alcool, si aggiungeva la menzione CASTEGGIO per i vini considerati di alta qualità, da imbottigliamento. Niente nome del vitigno, che appare nelle nostre etichette con l’arrivo della D.O.C. dopo il 1970.
Quindi non una novità, non una nuova D.O. ma una formalizzazione di quello che storicamente accadeva in questo territorio.

Altri vini blasonatissimi di questa nostra Italia portano nel mondo il nome del loro comune di produzione, a mio giudizio rimane il veicolo più efficace per rappresentare ovunque il territorio, perchè inconfondibile e assolutamente non riproducibile. Al contrario del vitigno che è assolutamente indifendibile perché coltivato in altri territori. Per gli appassionati di vini a lungo-lunghissimo invecchiamento, anticipiamo che nel 2015 presenteremo la versione “Riserva” di questo ambizioso progetto vino.

OLMETTO CASTEGGIO D.O. si produce con uve Barbera 80% Croatine e Uva Rara restante 20%. Questa vigna è un esempio della più autentica tradizione del Casteggiano. La vigna Olmetto è sita nel comune di Casteggio (foglio: 16 particelle: 69-72-231-246) si estende su un totale di 1,77 ettari ed è posta ad un’altezza di 150 mslm con esposizione ovest sud ovest. La vendemmia 2010 svolta manualmente è avvenuta i primi giorni di Ottobre, accompagnata da un clima favorevole. Le tecniche di vinificazione e fermentazione avvengono in modo del tutto naturale evitando l’uso di additivi. Ad una macerazione sulle bucce di 21 giorni, è seguita l’elevazione in botti piccole per 18 mesi e altri 10 di affinamento in bottiglia.

 


- IL CASTEGGIO
- CASTEGGIO LA STORIA
- CAVEAU D’ O.P.
- CAVEAU D’ O.P. - 2
- DENOMINAZIONE E CONSORZIO TUTELA
- CAROILMIOCARISSIMOVINO
- NEMO PROPHETA IN PATRIA BOTTEGHE A DOC
- SPESA QUOTIDIANA DIRETTA O INDIRETTA?
- LA MINERALITA’ E’ UN COPERCHIO?
- PICCHIONI E LE COMMISSIONI
- TETRAPAK e VINO DIAVOLO e ACQUA SANTA
- BIO-ETANOLO NON TUTTI I MALI VENGONO PER NUOCERE
- TOCAI LU FUNDO
- CIAO MARCO!!